IMPLEMENTING THE CIRCULAR ECONOMY: THE ROLE OF CULTURAL HERITAGE AS THE ENTRY POINT. WHICH EVALUATION APPROACHES?

  • Luigi Fusco Girard

Abstract

Il riutilizzo adattivo dei beni culturali è proposto come punto d'ingresso per la realizzazione della città circolare, cioè l'aspetto spaziale/territoriale specifico dell’economia circolare. Il riuso circolare contribuisce a realizzare la “città dell'uomo e della natura”, in cui la natura è considerata l’infrastruttura più importante. Nel paper si discutono i modi in cui il riuso adattivo può essere realizzato, a partire da alcuni problemi fondamentali e dall’approccio adottato, e che determina le differenze con altri approcci sul riuso dei beni del patrimonio, in cui l’attenzione principale è rivolta all’attrattività e ai suoi impatti multidimensionali e in cui le dimensioni economica, ambientale, sociale, culturale sono interpretata come aventi lo stesso peso. La prospettiva è quella di cercare nel riuso adattivo nuove soluzioni in grado di reintegrare l’economia nell’ecologia e nel paradigma umano utilizzando nuovi strumenti: dai nuovi modelli di gestione ai nuovi sistemi di valutazione di supporto alle decisioni.

 

Parole chiave: riuso adattivo; valutazione integrata; economia circolare

Downloads

Download data is not yet available.
Pubblicato
2019-12-31
Come citare
Fusco Girard, L. (2019). IMPLEMENTING THE CIRCULAR ECONOMY: THE ROLE OF CULTURAL HERITAGE AS THE ENTRY POINT. WHICH EVALUATION APPROACHES?. BDC. Bollettino Del Centro Calza Bini, 19(2), 245-277. https://doi.org/10.6092/2284-4732/7269

Articoli più letti dello stesso autore(i)

1 2 > >>