Le donne e gli anni ‘80 in Italia attraverso la storia del volley

  • Daniele Serapiglia Instituto de História Contemporânea da Faculdade de Ciências Sociais e Humana da Universidade Nova de Lisboa; Centro de Estudos Interdisciplinares do Século XX da Universidade de Coimbra
Parole chiave: Anni ’80, Volley, Estetica, Lavoro, Donne, Genere

Abstract

In Italia, gli anni Ottanta rappresentano un momento fondamentale per le donne. Esse vennero coinvolte maggiormente nel mondo del lavoro e nello spazio pubblico. Questo paper vuole indagare sul rapporto tra le donne e la società italiana dal punto di vista della storia dello sport. Più nello specifico, si ha l’ambizione di raccontare l’evoluzione del ruolo della donna nello spazio sociale, attraverso lo sviluppo della pallavolo. Negli anni Ottanta, infatti, le donne superarono gli uomini nella pratica del volley, dando definitivamente una connotazione femminile a questo sport. Attraverso lo studio delle vicende che portarono a questo successo, possiamo comprendere come ad un maggior coinvolgimento delle donne nel mondo del lavoro sia corrisposto un loro maggior coinvolgimento nella pratica sportiva. Sullo sfondo di questo affresco: l’Italia opulenta degli anni Ottanta, apparentemente ricca ma non priva di contraddizioni: le differenze tra il nord e il sud, la lotta tra Tv pubblica e la Tv commerciale, lo scontro tra vecchia e nuova imprenditoria. Questa ricerca è stata possibile grazie all’uso di vari tipi di fonti. Sono stai utilizzati: i documenti provenienti dagli archivi pubblici e privati della Federazione italiana pallavolo, i giornali e gli studi relativi alla diffusione dello sport in Italia dell’Istituto nazionale di statistica. Si sono rivelati importanti anche i documenti televisivi: cronache delle partite, cartoni animati dedicati al volley e le pubblicità. Inoltre, si è provveduto ad una serie di interviste a testimoni dell’epoca.

Downloads

Download data is not yet available.

##submission.authorBiography##

Daniele Serapiglia, Instituto de História Contemporânea da Faculdade de Ciências Sociais e Humana da Universidade Nova de Lisboa; Centro de Estudos Interdisciplinares do Século XX da Universidade de Coimbra
Daniele Serapiglia è ricercatore integrato dell’Instituto de História Contemporânea da Faculdade de Ciências Sociais e Humana da Universidade Nova de Lisboa e ricercatore collaboratore del Centro de Estudos Interdisciplinares do Século XX da Universidade de Coimbra. Ha conseguito il titolo di dottore di ricerca presso il Dipartimento di Storia Culture Civiltà (Disci) dell'Università di Bologna in cotutela con l’Universidade de Coimbra. È stato assegnista del Disci fino al maggio 2016. Nel 2011 ha pubblicato una monografia dal titolo La via portoghese al corporativismo con la casa editrice Carocci. Per Pendragon ha curato e introdotto, nel 2014, il volume Il fascismo portoghese. Le interviste di Ferro a Salazar. Nel 2016 ha curato e introdotto il volume Tempo Libero, Sport e Fascismo per la collana dei quaderni della rivista «Storicamente.org», per la quale nel 2017 ha curato con Guya Accornero e Annarita Gori anche il volume Percorsi. Scienze sociali tra Italia e Portogallo. È stato visiting scholar presso il Departamento de Educación Física, Deporte y. Motricidad Humana dell’Universidad Europea de Madrid. È attualmente visiting scholar presso l’ International Centre for Sports History and Culture was established della De Montfort University of Leicester.
Pubblicato
2017-12-31
Come citare
Serapiglia, D. (2017). Le donne e gli anni ‘80 in Italia attraverso la storia del volley. La Camera Blu. Rivista Di Studi Di Genere, (17). https://doi.org/10.6092/1827-9198/5382