(Dis)Parità di genere: le donne nel governo dello sport italiano

Elisa Manacorda

Abstract


Il governo dello sport italiano è affidato (quasi) interamente a uomini. Ai vertici del Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI), nelle presidenze delle federazioni sportive e nelle giunte, il ruolo delle donne è estremamente marginale, nonostante medaglieri olimpici, mondiali ed europei in cui sono impressi nomi di grandi campionesse. Non esiste, almeno per il momento, un piano organico per raggiungere la parità di genere in seno a questi organismi, cosa che di fatto rende lo sport di casa nostra un affare quasi esclusivamente maschile.

Keyword


sport, disparità di genere, Maria Moroni, legge Golfo-Mosca

Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.6092/1827-9198/5385

NBN: http://nbn.depositolegale.it/urn%3Anbn%3Ait%3Aunina-22196

Metriche dell'articolo

Caricamento metriche ...

Metrics powered by PLOS ALM

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.




Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Direttore responsabile: Caterina Arcidiacono| Registrazione: Cancelleria del Tribunale di Napoli, 49, 26/5/06 | La Camera blu é pubblicata da FeDOAPress - Federico II Open Access University Press |  ISSN  1827-9198 | E-ISSN 2531-6605  
Redazione e direzione: Via Porta di Massa, 1 - 80133 Napoli (NA)

10 anni de La camera blu. Rivista di studi di genere