Immagine di copertina

Analisi su aree urbanizzate mediante tecniche MIVIS: applicazione a Pomezia (Roma)

Lorenza Fiumi, Marina Landolfi

Abstract


In questo lavoro, con un carattere originale ed innovativo, si è voluto analizzare una porzione del territorio del Comune di Pomezia (Rm) acquisita attraverso dati telerilevati, con un volo MIVIS (Multispectral Infrared and Visible Imaging Spectrometer) ad una quota di 1.500 metri. Infatti, l’elevata risoluzione spettrale e la buona risoluzione spaziale, del sensore MIVIS permette di fornire informazioni uniche, per lo studio e la comprensione di realtà complesse e diversificate come appunto le aree antropizzate.

Lo studio è rivolto alla città di Pomezia, una Città di Fondazione, che nel corso dei suoi oltre 70 anni di vita, ha visto in breve tempo cambiare la sua storia, passando da borgo rurale a centro industriale del Lazio. Questo in virtù sia della sua vicinanza con Roma, che con l'inclusione del suo territorio nelle politiche di sviluppo economico della Cassa del Mezzogiorno. Tutto ciò ha comportato una forte industrializzazione fino agli anni ’90, che ha visto crescere le aree industriali e l’area urbana in tempi rapidi ed in assenza, o quasi, di pianificazione, a cui è seguito un progressivo processo di deindustrializzazione, tutt’ora in corso.

L’elaborazione dei dati MIVIS, ottenuta con la classificazione, ha permesso di realizzare un riconoscimento spaziale e spettrale di elementi e materiali presenti al suolo, con una buona scala di dettaglio. Inoltre, attraverso le informazioni statistiche, sono state tratte osservazioni e considerazioni sull’evoluzione del territorio, evidenziando aspetti ambientali come il consumo e impermeabilizzazione del suolo, un fenomeno irreversibile, legato alla progressiva ed incontrollata espansione della città, e delle aree industriali limitrofe. Un grave problema ambientale che comporta la perdita di superfici agricole con conseguenze sulla biodiversità e qualità paesaggistica, determinano la dissipazione della risorsa suolo destinata a tradursi in grave limite per l’ambiente e per il suo futuro.


Keyword


Telerilevamento, Classificazione, Impermeabilizzazione del suolo, Consumo di suolo

Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici


Barberis R., 2005 - Consumo di suolo e qualità dei suoli urbani. Qualità dell’ambiente urbano II Rapporto APAT, Edizione 2005, pp. 703-729.

Ben-Dor, E.; Levin, N.; Saaroni, H. (2001) A spectral based recognition of the urban environment using the visible and near-infrared spectral region (0.4–1.1 m). A case study over Tel-Aviv. International Journal of Remote Sensing 2001, 22 (11), 2193–2218.

Bianchi R., Cavalli R.M., Fiumi L., Marino C.M., Pignatti S. Pizzaferri G. (1996) 1994/1995 CNR LARA Project airborne hyperspectral campaigns. Proceedings of Eleventh Thematic Conference and Workshops Applied Geologic Remote Sensing, Las Vegas, Nevada USA, pp. 301-310.

Bonora N. Marinosci I., Munafò M. (2008) Qualità dell’Ambiente Urbano, V Rapporto ISPRA Roma.

Brivio P.A:, Lechi G., Zilioli E. (2006) Principi e metodi di telerilevamento Edizioni Città Studi.

Bruno A. (1981) Materiali da Costruzione, Edizioni medicea, Firenze.

De Angelis D., (2004) Tirrena a Pomezia Ed.-Isa Pomezia.

EEA (2006) European Environment Agency, La sovra crescita urbana in Europa, 2006 04 EEA briefing ISSN 1830-2319.

Fiumi L. Rossi S. (2007) Dalla cartografia storica al telerilevamento: la città di Roma, Edizione Pagine-CNR, Roma, 2007.

Herold, M., Gardner, M., & Roberts, D. (2003) Spectral resolution requirements for mapping urban areas. IEEE Transactions on Geoscience and Remote Sensing, 41(9), 1907−1919.

Heiden, U.; Segl K.; Roessner S.; Kaufmann H.(2007) Determination of robust spectral features for identification of urban surface materials in hyperspectral remote sensing data. Remote Sensing of Environment 2007, 111, 537–552.

ITT (2008) Visual Information Solutions.ENVI - Environment for Visualizing Images, Version 4.4, 2008. Available at: www.ittvis.com/envi

Mazzeo G., (2009). Dall’area metropolitana allo sprawl urbano: la disarticolazione del territorio. TeMA 04.09, Trimestrale del Laboratorio Territorio Mobilità e Ambiente, ISSN 1970-9870Vol 2 N.4 Dicembre 2009, pagg. 7-20.

Mariani R., (1976) Fascismo e ‘Città Nuove’, Feltrinelli, Milano.

Montano C., (2008) Piano del Colore del Centro Storico di Pomezia.Studi storici e rilievi diagnostici. ( a cura di) Palombi Ed. e Comune di Pomezia.

Nuti L., (2001) La città nuova nella cultura urbanistica e architettonica del fascismo, da Metodo, n. 17/2001.

Pennacchi A., (2010) Canale Mussolini, Mondadori, Milano.

Pennacchi A., (2011) Fascio e Martello, Laterza, 2011.

Pignatti S., (2009) “Le città di fondazione non sono un bene ‘usa e getta’” Convegno: Città di Fondazione, politiche per la città ed antropizzazione tra fascismi e democrazie, Università IUAV di Venezia, Ca’ Tron, Venezia.

Provincia di Roma (2011) Rapporto Annuale. La situazione della Provincia di Roma.

Sessa A., (1990) Pomezia – Origini, genti, personaggi, Capriotti Ed., Pomezia.

Yuhas R.H. , Goetz A.F.H., Boardman J.W. (1992) Descrimination among semiarid landscape endmembers using THE Spectral Angle Mapper (SAM) algorithm. Summaries of the Third Annual JPL Airborne Geoscienze Workshop, 1 june, Pasadena, CA, Jet Propulsion Laboratory, 147-149.




DOI: http://dx.doi.org/10.6092/1970-9870/778

NBN: http://nbn.depositolegale.it/urn%3Anbn%3Ait%3Aunina-11596

Metriche dell'articolo

Caricamento metriche ...

Metrics powered by PLOS ALM

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.




Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.
I cookie utilizzati servono al corretto funzionamento del sito. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookie.
Per maggiori informazioni.
ok


Direttore responsabile: Rocco Papa | print ISSN 1970-9889 | on line ISSN 1970-9870 | © 2008 | Registrazione: Cancelleria del Tribunale di Napoli, n° 6, 29/01/2008 | Rivista realizzata con Open Journal System e pubblicata dal Centro di Ateneo per le Biblioteche dell'Università di Napoli Federico II.